Gabriele Zarotti

Eco...che?


Era il 1970. Time Magazine le dedicava una delle sue copertine più azzeccate. Era una parola che suonava nuova alla maggior parte di noi umani. Anche se in realtà pare che il primo a utilizzarla sia stato uno scienziato alla fine dell’ 800.

E-c-o-l-o-g-i-a. La scienza che aveva il compito di studiare le interazioni  tra uomo, animali, vegetali e ambiente. Salutata con grandi speranze dai primi vagiti ambientalisti, guardata con diffidenza e ostilità  da tutte le economie dell’Occidente che giravano allora a pieno regime, accolta con indifferenza mista a fastidio  soprattutto da coloro che sgomitavano per farsi largo nelle società affluenti del pianeta, l’Ecologia era una delle prime scienze nuove del dopoguerra. Quando cominciavano a muovere i primi passi discipline che avrebbero contribuito a modificare radicalmente – insieme al nostro immaginario – il nostro ambiente, le nostre abitudini, le nostre vite. E non sempre e solo per il meglio. 

In quegli anni di formazione tanti erano gli stimoli e le sollecitazioni a cui noi teen eravamo sottoposti, che per la maggior parte del tempo da svegli – ma per buona parte anche del sonno – eravamo tutti presi ad agguantare solo ciò che di meglio sembrava offrirci la vita, trascurando, dove possibile, gli aspetti meno esaltanti. Perfino la minacciosa crisi dei missili di Cuba in fondo ci vedeva sorridere, fiduciosi che alla fine tutto si sarebbe concluso per il meglio. E anche la guerra del Vietnam, che pure offendeva  i nostri ideali e feriva i nostri sentimenti, era tutto sommato un rumore lontano.

La vita allora non smetteva un istante di sorriderci. E anche se di soldi in tasca ne ballavano pochi – esclusi pochi privilegiati – ogni mattina il futuro ci accoglieva strizzandoci l’occhio. A volte tutti e due.  E quel bicchiere, che ieri  ho distrutto in uno scatto d’ ira ( o di saggezza, chissà!), non solo si mostrava ogni volta mezzo pieno, ma spesso  tracimava. E noi stavamo lì, euforici, a guardare.  Convinti che l’abbondanza era  dietro l’angolo. Il tanto desiderato benessere a portata di mano. E noi eravamo pronti ad afferrarlo, camminando senza mai voltarci indietro, al passo dell’anatra come Chuck Berry.

In questo  procedere sciolto e spensierato, e un po’ sconsiderato, mi aveva colpito in modo particolare questa copertina di Time Magazine, il  settimanale che mi serviva per fare un po’ di pratica in inglese. Tutto preso dal promettente futuro e contagiato  fino al midollo dal clima di euforia collettiva in cui erano avvolti quegli anni “favolosi”, non mi ero mai chiesto se il vorticoso progresso tecnologico che ci accompagnava promettendo benessere per tutti  avrebbe potuto riservarci qualche sorpresa. Portare con sè qualche inaspettato effetto collaterale. A dire il vero, non sapevo nemmeno cosa significasse questa frase, con la quale avremmo dovuto fare i conti negli anni a venire. Chi poteva immaginare allora che questo inarrestabile vento  al quale ognuno di noi si abbandonava non avrebbe soffiato in eterno. E che tutto ciò che portava con sè non  sarebbe stato gratis. 

In questo clima, difficile da comprendere fino in fondo da chi non l’ha vissuto, l’Ecologia arrivava puntuale a ricordarci, o meglio a rivelarci, la faccia nascosta di quel mitizzato progresso tecnologico che tanta parte aveva nelle nostre esistenze. Come se non fosse  bastato il secondo principio della termodinamica, già di per sè  poco rassicurante, questa scienza veniva ad ammonirci che la violenza esercitata sull’ambiente da un procedere così sconsiderato presto o tardi  si sarebbe trasformata in danno irreversibile. Che prima o poi la natura ci avrebbe presentato il conto.  

Quel mare che appariva ai nostri occhi così puro e incontaminabile, talmente grande e profondo da poter accogliere  e metabolizzare ogni  umana nefandezza, in realtà era come noi mortale. Ma noi eravamo troppo impegnati e assenti per fermarci sulla spiaggia a riflettere sulle sue ferite.  Tutti presi a strafarci  di benessere, non riuscivamo a comprendere la necessità di  rinunciare a qualcosa in quel momento  per non dovere un giorno rinunciare a tutto.    

Oggi sembra tardi per recriminare.  Pare che abbiamo superato il punto di non ritorno.  Non ci resta che rimpiangere ciò che è andato perduto per sempre. A volte, in un istante di senile sconforto, mi viene da parafrasare con amarezza le parole del poeta che una volta mi suonavano così dolciastre e d’altri tempi: 


“Biofisica, Cibernetica, Informatica…strani rumori

ah perché non son io co’ miei pastori.”

 

 

 

Alle Rechte an diesem Beitrag liegen beim Autoren. Der Beitrag wurde auf e-Stories.org vom Autor eingeschickt Gabriele Zarotti.
Veröffentlicht auf e-Stories.org am 03.01.2019.

 

Leserkommentare (0)


Deine Meinung:

Deine Meinung ist uns und den Autoren wichtig! Diese sollte jedoch sachlich sein und nicht die Autoren persönlich beleidigen. Wir behalten uns das Recht vor diese Einträge zu löschen! Dein Kommentar erscheint öffentlich auf der Homepage - Für private Kommentare sende eine Mail an den Autoren!

Navigation

Vorheriger Titel Nächster Titel


Beschwerde an die Redaktion

Autor: Änderungen kannst Du im Mitgliedsbereich vornehmen!

Mehr aus der Kategorie"Thoughts" (Kurzgeschichten)

Weitere Beiträge von Gabriele Zarotti

Hat Dir dieser Beitrag gefallen?
Dann schau Dir doch mal diese Vorschläge an:

All´opera non si muore mai di noia. - Gabriele Zarotti (Crime)
A Long, Dry Season - William Vaudrain (Life)